top of page
Una montagna di eccellenze

Eccellenza Casearia a Cammarata - Il Progetto 'Traiprol@c' Rivoluziona la Produzione dei Formaggi


tumarrano progetto trairol@c

Benvenuti nel nostro viaggio di oggi, andiamo alla scoperta di un'altra eccellenza casearia di Cammarata, un luogo dove tradizione e innovazione si fondono per creare formaggi straordinari. Vi porteremo all'interno della cooperativa agricola zootecnica "Tumarrano," dove la produzione casearia si unisce alla tecnologia di punta per dare vita a opere d'arte gastronomiche. Scopriremo il progetto "Traiprol@c" e come questa sinergia tra aziende e istituzioni ha contribuito a sollevare il settore agroalimentare siciliano a nuove vette di eccellenza. Inoltre, assaporeremo la magia dei formaggi unici prodotti in questa regione e ascolteremo le storie dei protagonisti di questo successo.

 

In un'epoca in cui la rincorsa alla qualità e all'autenticità dei prodotti alimentari è sempre più sentita, emerge con forza l'esempio della tradizione casearia siciliana che, abbracciando l'innovazione tecnologica, si proietta verso un futuro sostenibile e di alta qualità. Un esempio emblematico di questa sinergia tra tradizione e innovazione è rappresentato dal progetto "Traiprol@c," nato nel cuore della regione, precisamente a Cammarata, terra di antiche tradizioni casearie.

tumarrano

La lodevole iniziativa vede protagonista la cooperativa agricola zootecnica "Tumarrano", che ha intrapreso un percorso di modernizzazione della produzione formaggiera, adottando avanzate soluzioni tecnologiche. L'obiettivo è quello di elevare costantemente gli standard qualitativi, attraverso un monitoraggio preciso e in tempo reale dei vari parametri del latte, dalla mungitura alla caseificazione. In particolare, la cooperativa si è cimentata nella realizzazione di una varietà di crescenza e di un formaggio italico, quest'ultimo con caratteristiche simili al noto "brie," entrambi distinti da una crosta esterna leggermente ruvida e un interno morbido e cremoso.

Il progetto "Traiprol@c" è frutto di una collaborazione sinergica tra diverse entità: la società "Arancia-Ict Srl," la cooperativa "Tumarrano," la società cooperativa "Il Caciocavallo" di Belmonte Mezzagno e l'Università di Palermo. Un tassello fondamentale per la realizzazione dell'iniziativa è stato il sostegno economico garantito dalla Regione, che ha erogato un contributo di 1.527.886 euro attraverso il programma Po Fesr 2014-2020, contribuendo al finanziamento totale del progetto di 1,8 milioni di euro.


Il cuore dell'innovazione risiede in un sofisticato sistema di certificazione e autenticazione, basato su sensori per il monitoraggio in tempo reale, integrato con una piattaforma web e un'applicazione mobile. Questa infrastruttura permette di raccogliere e analizzare dati da diverse fonti, fornendo informazioni dettagliate ai consumatori, che vanno dalle etichette informative ai portali dedicati alla vendita online.

Giuseppe Ammavuta, dirigente dell'assessorato alle attività produttive, esprime soddisfazione per il successo del progetto, che rappresenta un esempio concreto di "specializzazione intelligente" nel settore agroalimentare. Il progetto, prima di essere implementato sul campo, è stato sottoposto a rigorosi test nei laboratori dell'Università di Palermo, sotto la supervisione di Maria Teresa Sardina, responsabile scientifico, che sottolinea l'importanza di proporre prodotti innovativi, pur rispettando la tradizione e la tipicità siciliana.

Le aziende partner hanno aderito scrupolosamente ai processi di caseificazione sviluppati dai microbiologi dell'ateneo, ottenendo consensi positivi da parte di chi ha avuto l'opportunità di degustare questi prelibati formaggi. Antonino Santangelo, rappresentante dell'azienda "Il Caciocavallo," sottolinea come l'innovazione abbia permesso di creare una crescenza utilizzando il latte di pecora, una novità considerevole in un mercato dominato dalle crescenze a base di latte vaccino. Inoltre, la realizzazione di un formaggio italico a base di latte ovino rappresenta una nuova frontiera di esplorazione culinaria, che ha già conquistato l'attenzione e l'apprezzamento di ristoranti d'alta gamma e pizzerie gourmet.


Con la messa in produzione prevista a partire dalla metà di novembre, questi formaggi innovativi, arricchiti dal gusto autentico del latte siciliano proveniente da pascoli locali, sono destinati a conquistare il palato dei consumatori più esigenti, confermando l'eccellenza dell'arte casearia di questa regione e delineando nuovi orizzonti di crescita e sviluppo per l'intero settore agroalimentare siciliano.


cammarata

 

Il progetto Traiprol@c

Ispirato da due principali esigenze del settore lattiero-caseario: l'innovazione nella produzione, rispettando la tradizione e tipicità siciliana, e la necessità di fornire garanzie oggettive sull'origine, qualità e sicurezza dei prodotti lattiero-caseari. L'idea progettuale si articola in due direttrici principali:


1. Produzione Innovativa:

  • Si propone di definire disciplinari di produzione per creare prodotti innovativi utilizzando il latte ovino della razza Valle del Belice.

  • Le innovazioni riguarderanno la produzione di latti fermentati, impiegando batteri lattici, come quelli utilizzati per lo yogurt, e probiotici liofilizzati, oltre a quelli selezionati dalla microflora autoctona del latte crudo.

  • Saranno prodotti formaggi a latte pastorizzato applicando diverse tecnologie per soddisfare diverse fasce di consumatori.

  • Si prevede anche la produzione di formaggi a latte crudo, in particolare formaggi a pasta cotta duri, sia da grattugia (tipo "grana") che da taglio (tipo "svizzero").


2. Sistema di Certificazione e Tracciabilità:

  • Realizzazione di un sistema tecnologicamente avanzato per la certificazione e tracciabilità dei prodotti, gestito in modalità SaaS (Software as a Service) e attraverso Web e Mobile App.

  • La piattaforma sarà integrata con un Network di Sensori (IoT) per monitorare in tempo reale parametri specifici della materia prima, come la quantità e la qualità del latte, e dei processi di trasformazione.

  • Questo sistema fornirà certificazioni sull'origine e le caratteristiche organolettiche della materia prima, sintetizzate su etichette e fruibili dai consumatori sia al momento dell'acquisto che online.

L'infrastruttura tecnologica progettata sarà in grado di gestire e elaborare flussi informativi di diversa provenienza, restituendo una serie di output informativi e certificazioni che assicurano la trasparenza e la qualità dei prodotti lattiero-caseari, rispondendo così alle crescenti esigenze di tracciabilità e garanzia di qualità da parte dei consumatori.


Vi consigliamo di visitare il sito https://traiprolac.eu/progetto/ e http://www.tumarrano.it/






1 Comment

Rated 0 out of 5 stars.
No ratings yet

Add a rating
Guest
Nov 03, 2023
Rated 5 out of 5 stars.

eccezionali come sempre

Like

Il post di oggi

Torna  indietro

Vai al Forum

bottom of page