Chiesa Madonna dell'indirizzo

In alto sul ciglione settentrionale della roccia su cui sorge Cammarata, si innalza la chiesetta della Madonna dell'Indirizzo CA Bed damatri di lu Nurizzu) quasi a segnare da lontano la via a chi si avvicina al paese. Il titolo della Madonna dell'Indirizzo può essere un adattamento (La parola Nurizzu dal latino "Nutricius" potrebbe anche avere un al troncato riferendosi alla Madonna che nutre il Bambino e quindi potrebbe indicare la maternità di Maria. La parola sarà stata, forse, nell’Ottocento, Italianizzata in Indirizzo).

La festa di S. Onofrio cfr. Luigi Lo Bue, Sacro e profano di alcune sagre popolari e feste religiose dell'Agrigentino  di quello di Odigitria (Guida) tanto diffuso in Sicilia. All'interno della piccola chiesa, per iniziativa dei vicini devoti, negli ultimi tempi si sono compiuti dei restauri che hanno rinnovato completamente l'edificio. Vi si conservano due statue della Madonna, una più antica, probabilmente secentesca che viene tenuta sotto una tenda e l'altra più recente sull'altare maggiore. Tutte e due hanno subito dei restauri non sempre felici, ma conservano un certo valore.

Interessantissima é un'immagine su pietra della Madonna e San ti murata sulla parete a destra di chi entra. Non si riesce a vederla bene perché é stata recentemente verniciata. Potrebbe essere una antica pittura su pietra o un graffito antico, come fanno sospettare alcune righe del disegno.

La chiesa é aperta nei mesi di maggio e di ottobre o nelle varie feste della Madonna, vi si recano per recitare il santo Rosario. Fino all'inizio del secolo vi si celebrava la festa della Madonna dell'Indirizzo alla fine di settembre e per l'occasione si svolgevano giochi popolari come la "Cursa di li taccagli".